NOTIZIE
02.13.2018

Call 2018 – FAQ

Ecco le risposte alle domande inviate a finanziamenti@italiamusicexport.com inerenti alla Call 2018, il supporto economico per artisti e operatori della musica di Italia Music Export – powered by SIAE.

 

1.Possono partecipare alla Call Operatori gli organizzatori di festival musicali?
Sì, a patto che l’attività di organizzazione di eventi musicali sia comprovata da visura camerale (se siete iscritti al Registro delle Imprese), oppure dal codice di attività di attribuzione della partita IVA comprensivo di Codice Ateco, oppure ancora dall’Atto costitutivo dell’organizzazione (finalità prevalenti). Un’altra condizione è che il festival riguardi almeno un artista/band di nazionalità italiana iscritto SIAE.

2. Per partecipare alla Call Operatori è necessario essere iscritti SIAE?
Per partecipare alla Call Operatori non è necessario essere iscritti alla SIAE.

3. Per partecipare alla Call Artisti è necessario che tutti i componenti di una band siano iscritti SIAE?
No. La condizione è che i brani che verranno eseguiti durante il tour all’estero siano depositati in Siae e che uno dei componenti della band ne sia l’autore.

4. Si può partecipare alla Call 2018 se si è iscritti a società diverse da SIAE?Per partecipare alla Call Artisti in qualità di singolo artista, è necessario che quest’ultimo sia iscritto SIAE?
No. La Call Artisti prevede che i brani che verranno eseguiti durante il tour all’estero siano depositati in SIAE e che uno dei componenti della band ne sia l’autore. Di conseguenza, nel caso in cui il tour sia riferito ad un singolo artista, è necessario che quest’ultimo sia iscritto SIAE.

5. Per partecipare alla Call Operatori è necessario che il professionista si occupi di un genere musicale in particolare?
No.

6. Per partecipare alla Call Artisti è necessario che tutto il repertorio che verrà eseguito in tour sia depositato in SIAE?
Sì.

7. Un’associazione tra artisti può partecipare alla Call Artisti?
Sì. Le associazioni tra professionisti possono partecipare, in quanto rientranti tra i soggetti privati di cui al Libro V del Codice Civile – Capo II del Titolo III. Non osta la previsione dell’art. 2232 cod. civ. (responsabilità personale del professionista) da quando il legislatore ha ammesso l’esercizio delle professioni intellettuali in forma di società di persone (come in questo caso, cfr. atto costitutivo): art. 24 della legge 7 agosto 1997, n. 266.

8. La domanda di partecipazione è disponibile in un altro formato?
No, l’unico formato disponibile è il pdf.

 

9. Nella Call 2018 si afferma che per i tour ammissibili ai fini della Call deve essere previsto un pagamento. Sono ammesse in questo senso anche le offerte che comprendono vitto, alloggio e donazioni (hat), ooppure deve essere specificato un minimo garantito?
Sono ammesse.

10. Nella Call 2018 si afferma che le date dei tour ammissibili devono essere già confermate dal locale, dal promoter o dall’agenzia di booking. Nelle mail di conferma è necessario che sia indicato il nome effettivo dell’autore iscritto SIAE, o va bene anche il nome della band?
Va bene il nome della band.

11. Nella compilazione della domanda di partecipazione per la Call Artisti è possibile indicare delle cifre indicative riguardanti i mezzi di trasporto? Non ci è chiaro esattamente quali saranno le spese se useremo un furgone.
Per avere una proiezione di quali saranno le spese è possibile utilizzare dei simulatori online. In ogni caso le ricevute vanno presentate e rendicontate a fine tour, e il contributo si baserà sulle spese effettuate.

12. Se il tour all’estero per il quale si partecipa alla Call Artisti partirà proprio dal giorno successivo a quello della pubblicazione delle graduatorie, può essere un problema?
No, non ci sono problemi.

13. Le domande di partecipazione possono essere presentate anche da partite iva afferenti a nominativi singoli?
Nel caso della Call Artisti le persone fisiche non possono presentare la domanda di partecipazione. Per la Call Operatori invece è possibile, purché rispettino i requisiti indicati al punto 3 della Call 2018.

14. Quali sono le modalità ma, soprattutto, le tempistiche di erogazione di un eventuale contributo?
Il contributo verrà erogato a tour completato, una volta presentata la rendicontazione delle spese ammissibili sostenute.

15. È possibile che venga accordato un budget parziale rispetto a quanto richiesto?
No.

16. In qualità di conferma del fatto che le date siano effettivamente state fissate, è sufficiente anche un calendario redatto dall’agenzia di booking?
Sì.

17. Nella domanda di partecipazione della Call Artisti, alla voce budget (punto 5), il totale delle spese ammissibili è riferito solo alla sezione B oppure all’insieme delle sezioni A+B?
Il totale delle spese ammissibili è composto dalla somma delle sezioni A + B.

18. Il budget dei progetti presentati nella Call Artisti può superare i 5000€?
Sì.

19. Se il soggetto proponente della Call Artisti è un ufficio stampa, va comunque indicato il suo compenso nel budget del progetto?
Nel caso in cui l’ufficio stampa sia interno alla struttura del soggetto proponente, va comunque specificata nel budget la spesa prevista per l’attività di promozione e comunicazione.

20. Possono partecipare alla Call 2018 anche le associazioni culturali?
Sì.Come previsto all’art. 2 della Call 2018, la partecipazione alla Call Artisti è consentita ai soggetti privati di cui al Libro V del Codice Civile – Capo II del Titolo III, ovvero di cui al Libro V del Codice Civile – Titolo V. Un’associazione culturale, non rientrando in tale definizione, non può partecipare. Viceversa, è ammessa una sua partecipazione alla Call Operatori, fermo restando il possesso dei restanti requisiti di ammissibilità previsti all’art. 3 della Call 2018.

21. Nel caso in cui un progetto di tour all’estero fosse incentrato su un repertorio di colonne sonore di film italiani, sarebbe escluso?
Nel caso delle colonne sonore di film italiani si tratterebbe di cover, ovvero opere edite da autori diversi da quelli che andranno in tour. Pertanto, non sarebbe ammissibile ai fini della Call 2018.

22. Se un artista è anche un operatore, può partecipare ad entrambe le Call?
Sì.

23. Per partecipare alla Call Artisti, l’artista deve essere titolare di partita iva?
No. Non è necessario che l’artista proposto sia titolare di partita iva. I requisiti di ammissibilità di cui all’art. 2 della Call 2018 sono infatti riferiti al soggetto proponente.

24. Il repertorio che verrà eseguito durante il tour all’estero deve essere interamente depositato in SIAE? Possono valere anche opere depositate presso collecting estere consorelle?
Tutto il repertorio che verrà eseguito durante il tour all’estero deve essere depositato in Siae. Non sono ammesse opere depositate presso collecting straniere.

25. I tour ammissibili ai fini della Call Artisti possono avere un intervallo massimo di 30 giorni. È possibile partecipare con un tour che ha una durata maggiore, considerando ai fini delle spese ammissibili solo i primi 30 giorni?
Sì.

26. Siamo una band che fa musica jazz. Possiamo partecipare alla Call Artisti?
Sì.

27. Durante il tour, i componenti della band possono pagare le spese (es. l’hotel) con la loro carta di credito?
L’hotel non è tra le spese ammissibili della Call Artisti (le spese ammissibili sono specificate al punto 2.2 della Call 2018). Tutte le spese devono essere effettuate esclusivamente mediante strumenti finanziari tracciabili quali bonifici, altre modalità di pagamento bancario o postale, sistemi di pagamento elettronico, assegni – e tutte le spese devono essere ricondotte ad uno o più conti correnti associati al soggetto proponente. Se necessario quindi, i componenti della band dovranno affrontare le spese in loco utilizzando una carta collegata al conto del soggetto proponente.

28. La Call Operatori si riferisce anche a viaggi di lavoro in Italia, come ad esempio Sanremo?
No, si riferisce solo a viaggi di lavoro all’estero.

29. Se nella domanda di partecipazione della Call Artisti si indica un budget per il tour maggiore rispetto a quello che poi si spenderà effettivamente, verrà comunque corrisposto il contributo richiesto anche se è superiore alle spese effettive?
No, il rimborso verrà dato in base alla rendicontazione delle spese effettive presentata in fase di approvazione e erogazione del contributo.

30. Siamo un trio che fa musica classica. Possiamo partecipare alla Call Artisti anche se il nostro genere musicale non rientra tra quelli indicati?
Sì.

31. Riguardo la Call Operatori, i viaggi di lavoro ammessi sono da scegliere tra quelli indicati in questa lista http://www.italiamusicexport.com/agenda?
No. Sì può indicare qualsiasi tipo di showcase o conference festival che abbia una programmazione diretta agli operatori (es. conferenze, workshop, speed meeting etc). Non si possono indicare come viaggio di lavoro le partecipazioni a festival musicali tradizionali come Glastonbury o Sziget.

32. Si può fare domanda per la Call 2018 attraverso una società inglese?
No, il soggetto proponente deve avere sede in Italia.

33. C’è la possibilità di inserire più righe nei campi delle domande di partecipazione?
Non è possibile aggiungere più righe. Si può utilizzare un carattere più piccolo, oppure compilare a mano. In alternativa, se è necessario, è possibile riportare il link ad una pagina web dove trovare un testo più lungo e approfondito.

34. Se il tour per il quale si vuole presentare un progetto si svolge a cavallo tra la prima fase e la seconda fase della Call Artisti, come bisogna procedere?
Fa fede la data di inizio del tour, quindi sì può partecipare alla prima fase della Call Artisti 2018.

35. Sono un operatore che organizza eventi musicali. Nella domanda di partecipazione della Call Operatori vengono richiesti gli artisti italiani rappresentati. Cosa dovrei inserire nel caso di eventi musicali, e dove trovo il loro numero di posizione SIAE?
Nel caso di operatore che organizza eventi musicali, si possono indicare tutti gli artisti italiani che hanno partecipato all’ultima edizione dell’evento o festival. Si può chiedere il numero di posizione SIAE allo stesso artista.

36. Ci sono dei limiti di importo sulle singole fatture che saranno presentate come rendicontazione finale?
No, non ci sono limiti di importo.

37. Nell’ambito della Call Artisti 2018 è possibile partecipare sia alla 1° fase, che alla 2° fase?
Sì, a patto che per ogni fase si presentino un massimo di due progetti.

38. Nella Call Operatori, posso imputare il costo di una spesa sostenuta nel 2017 per un viaggio di lavoro che avverrà quest’anno (es. biglietto aereo comprato con molto anticipo)?
Sì, fa fede la data di svolgimento del viaggio di lavoro.

39. Come dovranno essere rendicontate le spese di viaggio?
Le spese di viaggio potranno essere rendicontate con fatture, ricevute o scontrini, a patto che l’importo speso sia tracciabile sull’estratto conto del soggetto proponente.

40. In che modo devo provare che l’artista sia stato pagato dopo il tour? Devo farmi fare delle ricevute o fatture dal promoter locale?
Nella fase di rendicontazione finale bisognerà fornire la documentazione relativa alle spese ammissibili, ovvero quelle di trasporto e di promozione. Pertanto non sarà necessario presentare fatture o ricevute relative al cachet dell’artista.

41. I costi di comunicazione devono prevedere obbligatoriamente una produzione di materiale fisico?
No, si può prevedere come comunicazione anche il budget per dei contenuti sponsorizzati online, oppure il compenso per un ufficio stampa.

42. Sono domiciliato all’estero a livello individuale e legale, ma sono ancora residente in Italia. La mia partita IVA è Comunitaria e mi da diritto a operare con l’estero per quanto riguarda le entrate e le uscite. Posso partecipare alla Call Operatori?
Se è residente in Italia e in possesso di una partita IVA italiana, può partecipare alla Call Operatori, a patto che svolga attività di management e/o booking e/o ufficio stampa e/o eventi musicali e/o produzione discografica e/o edizione discografica e che tale attività sia comprovata dal codice di attività di attribuzione della partita IVA comprensivo di Codice Ateco.

43. Qual è la data che si prende a riferimento per verificare che il soggetto proponente esiste legalmente da più di un anno?
La data di riferimento è quella di pubblicazione del bando.

44. Riguardo la Call Operatori: i viaggi di lavoro devono essere compiuti sempre dalle stesse due persone oppure è possibile selezionare due dipendenti diversi per ogni trasferta, basta che si rispetti il limite massimo di due partecipanti per viaggio di lavoro?
Il testo della Call fa riferimento a due persone (titolare della partita iva e/o collaboratori e dipendenti) per domanda di partecipazione. Pertanto non è necessario che i due partecipanti viaggino insieme, possono anche compiere singolarmente viaggi di lavoro differenti. Non è però possibile selezionare due persone diverse per ogni viaggio di lavoro.