NOTIZIE
11.08.2021

Partecipa a SIM São Paulo dall’1 al 5 dicembre 2021

L’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane comunica che intende organizzare, in collaborazione con Italia Music Lab e FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), la partecipazione collettiva italiana a SIM São Paulo – Semana Internacional de Música de São Paulo che si terrà dal 1° al 5 dicembre 2021.
SIM rappresenta uno tra i più importanti festival della musica in America Latina, e si terrà a San Paolo del Brasile dal 1° al 5 dicembre 2021. Il tema scelto per la manifestazione, che per quest’anno si svolgerà in forma ibrida (in presenza e in digitale) è “RICOSTRUIRE IL MERCATO E MANTENERE VIVA LA MUSICA”, nell’ottica di un primo passo verso una ripartenza oramai sempre più prossima.

 

VUOI PARTECIPARE GRATUITAMENTE?
Se sei un’artista in possesso di partita IVA o un’agenzia e sei interessato al mercato musicale latino-americano, partecipa allo stand digitale italiano: compila il modulo e invialo entro il 10/11. L’ICE organizzerà, per i partecipanti italiani, uno stand digitale, un networking cocktail e assegnerà un personal assistant a ogni delegato italiano.

 

PERCHÉ PARTECIPARE
Secondo gli ultimi dati della Federazione Internazionale dell’Industria Fonografica (IFPI), il mercato discografico mondiale ha registrato una crescita costante negli ultimi 5 anni: nel 2019, il giro d’affari di questo settore ha movimentato 20,2 miliardi di dollari globalmente, pari a una crescita dell’8,2% rispetto all’anno precedente. L’America Latina continua per il terzo anno consecutivo a presentare la crescita più significativa (+18,9%), con particolare riferimento a Brasile, Messico e Argentina. Il Brasile risulta infatti al 10º posto del ranking globale dell’industria discografica, con un mercato da 313,7 milioni di US$ (+13,1%), e primo in America Latina.
L’Italia ha registrato nel 2019, una crescita del +8%, con € 247 milioni di fatturato, crescita guidata dallo streaming, che rappresenta il 63% dei ricavi, in particolare i servizi abbonamento premium streaming (+55,4%), di diritti di performance (+2,9%), e dalle sincronizzazioni (+7,9%). Anche nel settore della discografia, i primi mercati esteri di riferimento per l’Italia sono Francia e Germania, ma l’America Latina costituisce un bacino storico di grande rilievo, che deve quindi essere implementato e sviluppato nell’ottica di una crescita improntata all’internazionalizzazione.